0

SPEDIZIONE GRATUITA

PAGAMENTO SICURO

RESI FACILI E GRATUITI

RIMBORSI AL 100%

Cos’è un access point, come funziona e come sceglierlo

Cos’è un access point, come funziona e come sceglierlo

5 Gennaio 2022

A cosa serve un Access Point?

La tua impresa cresce e la rete WiFi del tuo ufficio non copre più uno spazio così grande? Offri una rete WiFi agli ospiti del tuo albergo, ma quando i dispositivi connessi sono troppo numerosi la velocità di connessione cala drasticamente? Bene, l’access point serve proprio a risolvere tutte queste situazioni, e anche di più! Ti permette avere un WiFi potente e facile da usare in tutta la tua struttura, privata o pubblica che sia.

Cos’è un access point

Access Point (letteralmente punto di accesso, indicato anche con l’acronimo AP) è un dispositivo di rete che, collegato ad una LAN (Local Area Network, una rete informatica di collegamento tra più computer con un’estensione spaziale limitata) ad uno switch, ad un router oppure ad una presa di rete permette all’utente di accedervi in wireless (senza fili).

Spiegato in parole semplici, un access point è un dispositivo capace di convertire una rete cablata in una rete senza fili, permettendo di conseguenza a tutti i dispositivi che ne abbiano bisogno di usarlo come un punto di accesso WiFi. Come detto all’inizio, se la superficie da coprire con la rete WiFi è molto vasta o se si ha necessità di collegare alla stessa rete molti dispositivi in WiFi senza voler disseminare l’area di cavi e garantendo comunque una connessione stabile, allora l’access point è la soluzione perfetta per avere un WiFi veloce, affidabile e semplice.

I vantaggi di un access point

Gli access-point permettono di:

  1. coprire con la rete WiFi grandi aree come uffici, aziende, alberghi, ospedali, scuole.
  2. connettere moltissimi dispositivi insieme senza perdere la qualità della connessione anche in piena mobilità.
  3. evitare un ingombro di cavi per collegare i dispositivi client alla rete e utilizzarne uno solo per collegarlo alla rete.

Qual’è la differenza tra router e access point?

A differenza di un modem o router che si collegano direttamente alla linea internet, l’access point necessita di essere connesso a sua volta al modem router che dialoghi con la centrale dell’operatore telefonico, dato che l’AP è il dispositivo che trasforma la linea cablata in una rete wireless permettendo ai dispositivi di collegarsi senza fili. Il segnale viene trasmesso

tramite onde ad alta frequenza, da 2,4 GHz e i più nuovi 5 GHz, che sono le frequenze adottate dai comuni modem/router wireless ed altri apparecchi senza fili.

Bisogna fare attenzione a non confondere gli Access point con i Range Extender. Con un repeater WiFi (il range extender) catturi il segnale WiFi che proviene da un router e lo amplifichi ripetendolo in tutte le zone, della casa o ufficio, che vuoi. Per accedere al segnale WiFi non dovrai far nulla di diverso da ciò che facevi prima. L’access point WiFi (o semplicemente access point wireless), invece parte da una rete cablata, da un router o modem, e crea esso stesso un nuovo punto di accesso alla rete con un proprio nome per la rete (SSID), ed una propria chiave di accesso. Viene generata una rete WiFi del tutto nuova.

A chi serve un access point?

Se hai bisogno di prestazioni elevate e di un sistema sicuro e, soprattutto, di coprire un’area molto ampia con un WiFi stabile e affidabile per molti dispositivi collegati contemporaneamente, l’access point è quello che fa per te. Inoltre, potrai aggiungere le funzionalità di gestione man mano che il tuo business cresce.

Quali sono i diversi tipi di access-point?

Esistono differenti tipi di access point, conoscerli ti servirà a scegliere la soluzione adatta alle tue esigenze.

Vediamoli insieme:

  • Access Point AC: sono access point che possono generare una rete wireless utilizzando il protocollo AC, il quale mediante l’utilizzo e la combinazione di due bande di frequenze (2,4 GHz e 5 GHz) permette di avere velocità di download e upload elevate. Vengono chiamati anche access point dual band. Prodotto suggerito WAC540
  • Access Point AX: sono access point di nuova generazione dotati dell standard Wi-Fi 802.11ax, anche noto come Wi-Fi 6. Realizzato sui punti di forza dello standard 802.11ac, 802.11ax offre l’efficienza e la flessibilità necessarie per consentire il funzionamento delle applicazioni di nuova generazione sulle reti nuove ed esistenti con una maggiore velocità. Prodotto suggerito WAX218
  • Access Point POE: POE (Power Over Ethernet) vuol dire che il tuo access point può essere alimentato da un cavo ethernet, che fornirà sia la rete che l’energia elettrica necessaria al suo funzionamento. Quindi, non sarà necessario preoccuparsi di posizionare i dispositivi vicino alle prese di corrente dato che sarà sufficiente avere un solo cavo di rete. Prodotto suggerito WAX630
  • Access point da esterno: pensato specificatamente progettati per essere collocati all’esterno in spazi aperti e dotati quindi di tutti i componenti necessari per resistere sia alle alte che alle basse temperature, come l’ AP con Gestione Cloud Insight WAX610Y.

Quale access-point comprare?

Ricorda che quando compri un access-point devi fare prima di tutto pensare ai tuoi bisogni, come la grandezza dell’area da coprire, il numero di client da collegare, se da interno o esterno, se desideri la gestione via cloud o altro ancora.

Scopri tutte le soluzioni di NETGEAR per la tua casa ed il tuo business!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *