0

SPEDIZIONE GRATUITA

PAGAMENTO SICURO

RESI FACILI E GRATUITI

RIMBORSI AL 100%

Cos’è lo switch di rete e a cosa serve

Cos’è lo switch di rete e a cosa serve

3 Gennaio 2022

Hai presente quando attivi la connessione del modem per poter collegare più dispositivi insieme? 

È proprio in questo momento che può servirti uno switch, letteralmente “interruttore”. 

Cos’è lo switch di rete? 

In una rete di computer lo switch è un dispositivo che collega insieme altri dispositivi. Gli switch sono fondamentali per qualsiasi rete perché servono a mantenerne fluido e costante il traffico, garantendo una migliore esperienza di utilizzo dei dispositivi così collegati, come computer, stampanti, punti di accesso wireless o server sulla stessa rete. Il suo comportamento viene definito “trasparente” perché i dispositivi collegati si comunicano tra loro come se lo switch stesso non esistesse. 

Per capire meglio questo concetto, vediamo insieme 

Qual è la differenza tra hub e switch? 

Anche un hub di rete funge da collegamento centrale per tutti i dispositivi presenti in una determinata rete LAN o locale. La differenza tra hub e switch è che il primo invia i dati a tutta la rete mentre il secondo controlla la destinazione di ogni pacchetto dati e lo invia al dispositivo corretto. In questo ultimo caso la connessione tra il mittente (il dispositivo da cui viene inviato il pacchetto Ethernet) e il ricevente (il device che deve riceverlo) è diretta. 

Un’altra domanda che potresti farti è 

Qual è la differenza tra router e switch

Anche il router è un dispositivo di “collegamento”. 

La differenza tra un router e uno switch è che il primo permette di collegare tra loro diverse reti, invece il secondo permette collegare tra loro i vari dispositivi presenti su una sola rete. 

Se ti stai chiedendo quali sono i vantaggi di uno switch di rete, eccoti accontentato: 

  1. permette ai dispositivi collegati di condividere le informazioni e di comunicare tra loro; 
  1. non ha limitazioni nel numero di utenti della banda larga della rete; 
  1. garantisce la massima velocità di navigazione ai dispositivi che vi vengono connessi; 
  1. permette di migliorare la connessione senza fare interventi sul modem. 

<h2> Come scegliere uno switch di rete 

Per scegliere il giusto switch di rete devi prima di tutto chiederti quale è l’utilizzo che ne vuoi fare. Quanti dispositivi vuoi collegare? Di che tipo di dispositivi si tratta? Esistono differenti tipi di switch, conoscerli ti servirà a scegliere la soluzione più adatta ai tuoi bisogni. 

Vediamo insieme più nel dettaglio i differenti tipi di switch di rete presenti sul mercato 

  • Switch non gestiti: non richiedono nessuna configurazione, bisogna solo collegarli. Vengono utilizzati in reti domestiche o nei casi in cui sia necessaria qualche porta in più (sale conferenze, laboratorio, postazione di lavoro etc.) 
  • Switch gestiti: vengono configurati in base alla propria rete ed offrono quindi più sicurezza e anche un maggior numero di funzioni. Vengono usati per gestire reti complesse, e proprio per questa ragione è necessario disporre di un ingegnere di rete che possa monitorare la sicurezza delle porte, le ACL (Access Control List) e l’attribuzione della larghezza di banda. 
  • Switch smart: una via di mezzo tra queste due opzioni è lo smart switch. Può essere in parte configurato grazie ad interfaccia web ed offre inoltre alcune interessanti opzioni personalizzabili. 
  • Switch PoE: uno switch Power over Ethernet permette di alimentare elettricamente i dispositivi ad esso collegati, tramite appunto dei cavi Ethernet. Per installarlo dovrete calcolare il consumo energetico di ogni dispositivo collegato per configurare correttamente lo switch e sistemarlo a non più di 100 metri dai dispositivi a lui connessi. 
  • Switch PoE+ e PoE++: sono evoluzioni del precedente e permettono di fornire maggiore potenza ai dispositivi 

Come scegliere tra switch PoE, PoE+ e PoE++? 

Uno switch PoE ha un alimentatore di circa 15,4W per porta e può essere collegato a telefoni VoIP, sensori, strumenti di misura, punti di accesso wireless o telecamere di sorveglianza statica. 

Lo switch PoE+ è può essere collegato a fotocamere zoom mobili ad alte prestazioni, punti di accesso wireless con sei paia di antenne, telefoni IP. 

Gli switch PoE++ possono supportare la connessione di dispositivi con requisiti di consumo energetico più elevati, come accessori per sistemi di videoconferenza, apparecchiature di gestione degli edifici, laptop e TV. 

In conclusione, per scegliere il tipo di switch giusto per te dovrai avere chiaro quanti e quali dispositivi desideri collegare e la loro necessità di alimentazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *